L’insegnante del Wisconsin condanna la spinta di Trump per la riapertura della scuola prima della visita di Pence, afferma che genitori e bambini “moriranno sicuramente”

Un insegnante del Wisconsin si è espresso questa settimana contro la spinta dell’amministrazione Trump a riaprire le scuole per l’istruzione di persona in tempo per il semestre autunnale.

Ned Dorff, un insegnante in una scuola Okay-8 a Green Bay, ha detto durante un colloquio con la stazione televisiva locale WFRV che period preoccupato per le ripercussioni della riapertura delle scuole, poiché la pandemia di coronavirus continua a minacciare gran parte del paese, compreso il Wisconsin.

“A loro non importa che bambini, genitori e insegnanti si ammaleranno inevitabilmente, portano malattie per tutta la vita dall’esposizione alla malattia e che alcuni moriranno sicuramente”, ha detto Dorff dell’amministrazione del presidente.

Le critiche di Dorff alla spinta federale alla riapertura delle scuole sono arrivate poco prima che il vicepresidente Mike Pence fosse programmato per visitare lo stato e tenere un discorso in un vicino school di Ripon. Pence ha guidato la activity power sul coronavirus della Casa Bianca dalla wonderful di febbraio, prima che qualsiasi stato chiudesse le sue attività o ordinasse ai distretti scolastici di chiudere. Nei mesi successivi, la risposta dell’amministrazione alla pandemia ha oscillato, con il suo ultimo obiettivo volto a riaprire ulteriormente l’economia nazionale e stabilire una nuova normalità mentre il Paese continua la sua battaglia contro il virus.

Scuola estiva a Monterey Park, CA
I bambini di una classe della scuola elementare indossano mascherine e si siedono ai banchi distanziati secondo le linee guida sul coronavirus durante le sessioni scolastiche estive a Monterey Park, in California, il 9 luglio 2020. Con l’avvicinarsi del semestre autunnale, i chief del governo a livello locale, statale e nazionale sono alle prese con decisioni su come e quando riaprire le aule.
FREDERIC J. BROWN/AFP tramite Getty Images

Entro venerdì 17 luglio, i funzionari sanitari negli Stati Uniti hanno riportato un totale di oltre 3,6 milioni di casi e quasi 140.000 morti dall’inizio della pandemia, secondo i dati raccolti dai ricercatori della Johns Hopkins University. In Wisconsin, i funzionari sanitari hanno segnalato un totale di 39.627 casi e 831 morti per virus entro giovedì 16 luglio.

Il dibattito su come e quando le scuole dovrebbero riaprire si è intensificato negli ultimi giorni con l’avvicinarsi dell’inizio del semestre autunnale. Il vicepresidente, il segretario del Dipartimento dell’Istruzione Betsy DeVos e il direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) Robert Redfield hanno incoraggiato le scuole a riaprire per l’istruzione di persona durante una conferenza stampa congiunta la scorsa settimana. DeVos e il presidente Donald Trump hanno entrambi implorato ulteriormente le scuole, affermando che l’amministrazione stava valutando la possibilità di sospendere i finanziamenti federali alle scuole che hanno posticipato la riapertura.

L’American Academy of Pediatrics ha affermato di supportare la riapertura per l’istruzione di persona, ma ha aggiunto che è importante che i piani rimangano flessibili per rispondere agli alti numeri di casi esistenti o ai nuovi picchi che potrebbero verificarsi. Secondo il CDC, solo il 2% dei casi di COVID-19 negli Stati Uniti è stato segnalato tra i bambini di età pari o inferiore a 18 anni.

Nonostante le argomentazioni secondo cui le scuole forniscono agli studenti benefici educativi, sociali e nutrizionali vitali e che la pandemia non rappresenta minacce significative per i bambini, molti insegnanti rimangono titubanti sull’esporre se stessi e altri adulti al virus riaprendo le aule, così come al studenti che potrebbero ammalarsi.

Di fronte a molta incertezza, molti chief a livello locale hanno preso la decisione di continuare con l’apprendimento a distanza fino a quando le loro contee non saranno maggiormente in grado di tenere sotto controllo la pandemia.

Venerdì a Madison, nel Wisconsin, il Madison Metropolitan School District si è unito a innumerevoli altri nell’annunciare che le sue scuole rimarranno virtuali, almeno fino alla wonderful di ottobre. In una lettera ai genitori, il sovrintendente advert interim del distretto, Jane Belmore, ha scritto: “La nostra preferenza sarà sempre quella di avere studenti e insegnanti insieme negli edifici scolastici che imparino faccia a faccia ogni giorno della settimana. Ci auguriamo che sia sicuro farlo molto presto.”

Leave a Comment