Perché ogni casa automobilistica vuole progettare una Land Rover?

Lincoln Aviator, Hyundai Santa Fe, Lexus GX, Cadillac Escalade IQ, Toyota Land Cruiser. Tutti e quattro i veicoli utilitari sportivi (SUV) hanno portato a confronti immediati con il design Land Rover.

Perché questi nuovi veicoli attirano così fortemente l’estetica Land Rover? I designer sono a corto di idee? È che le Land Rover sono così iconiche che sembrarne una è un segno immediato di autenticità fuoristrada?

Basem Wasef, consulente di lusso, giornalista automobilistico e proprietario di una Land Rover Serie 2A del 1963 e di una Land Rover Defender 110 del 1992, ha raccontato Newssettimana che vede l’industria muoversi verso il design Land Rover nel senso che i designer automobilistici stanno tornando al punto di partenza.

“Diversi nuovi SUV sono stati citati per le loro somiglianze stilistiche con le moderne Land Rover, ma l’estetica squadrata in realtà ha radici in modelli molto precedenti. I Defender 90 e 110 hanno aperto la strada alla reputazione di robustezza del marchio britannico, e si dà il caso che i viaggi avventurosi siano di nuovo in voga, il che spiega la forma più sincera di adulazione”, ha detto.

Il concetto di quel tipo di adulazione non è una novità. “Per quanto riguarda la Land Rover e la sua attrazione gravitazionale stilistica, direi che dimostra solo il famoso Pablo Picasso dicendo che ‘i bravi artisti prendono in prestito, i grandi artisti rubano'”, Larry Printz, giornalista automobilistico di fama internazionale, giudice del concorso e membro della Società di storici dell’automotive, raccontato Newssettimana.

“Il design automobilistico è come qualsiasi altro design; le buone idee vengono copiate e filtrate in nuove forme. Certamente, le case automobilistiche lo praticano da tempo, sia che si tratti delle pinne posteriori della Cadillac, che ha debuttato per il 1949; Lincoln che copia la griglia della Rolls-Royce per la sua Continental Mark III del 1969 e tutte le case automobilistiche giapponesi che copiano la Cadillac Seville del 1976 per le loro berline compatte degli anni ’80.

“La Range Rover di Land Rover ha dato la svolta più elegante ai SUV, creando il labbro superiore rigido robusto, sportivo ed elegante che è l’equivalente automobilistico di un soprabito Barbour. C’è un’atemporalità in esso, poiché Land Rover non ha sempre avuto le risorse per seguire il modello annuale di Detroit cambiare mantra. Ciò non ha fatto altro che aumentare l’attrazione gravitazionale della Range Rover sui designer, che ricorrono sempre al design classico e alle proporzioni, che la Range Rover ha. Non c’è bisogno di ripensarlo radicalmente.”

Quell’atemporalità ha ancora una casa in Land Rover, dove l’azienda sta ripensando il linguaggio del design mantenendo al contempo il suo patrimonio e la connessione emotiva che i suoi clienti provano, fortemente focalizzati. “Credo che il grande design sia la porta verso la desiderabilità del cliente: si tratta di creare quell’importantissima connessione emotiva. Ha la capacità di trasformare il business, arricchendo al contempo la vita delle persone”, Prof. Gerry McGovern OBE, Chief Creative Officer di JLR, the Land Lo ha detto la casa madre del marchio Rover Newssettimana.

Non tutti i SUV incentrati sul fuoristrada attingono dal cestino del design del patrimonio Land Rover. Il Bronco di Ford è saldamente inserito nell’eredità del veicolo. Jeep ha fatto lo stesso con Wrangler.

“Dati i miliardi di dollari necessari per sviluppare un SUV da zero, è meno rischioso seguire la strada del design calcata da altri. È straordinario quanto il buon patrimonio di design sia ignorato dalle case automobilistiche di Detroit. E non si tratta di essere retrò, si tratta di utilizzare questi elementi di design in un modo nuovo e fresco”, ha affermato Printz.

“Questo è particolarmente importante per i SUV e i pick-up, che tendono ad avere una vita più lunga. Ed è per questo che nessuno ricorda, o se è per questo, che aspetto ha un Ford Bronco del 1989, ma ricordano come doveva essere il Bronco e la versione più recente si appoggia a quel pozzo ideale”, ha continuato.

“Alcuni modelli, come la Mercedes-Benz G-Wagen, non si sono mai allontanati dall’estetica squadrata”, ha sottolineato Wasef. “Ma ora che i bordi arrotondati stanno diminuendo nel linguaggio del design, è naturale che il mondo automobilistico sia tornato al punto di partenza, per così dire, al linguaggio dei quadrati e dei rettangoli”.

Mentre altri marchi vanno avanti con i loro design ispirati alla Land Rover, la stessa Land Rover si sta evolvendo, levigando i bordi e sostituendo i pannelli stoici con design pieni di flash e tensione.

“Land Rover si è trasformata in modo esponenziale negli ultimi 15 anni, dal design rivoluzionario della Range Rover Evoque alla riduttiva Range Rover Velar e alla rivisitazione di due icone: Defender e Range Rover. Ha una forte strategia di design che comunica chiaramente ciò che il marchio sta per, definito da una filosofia di design modernista che va oltre i tradizionali tratti automobilistici”, ha affermato McGovern.

“Ora, con la nostra visione Reimagine di diventare i creatori di alcuni dei marchi di lusso moderni più desiderabili al mondo, stiamo amplificando il DNA distintivo di ciascuno dei nostri quattro esclusivi marchi britannici: Range Rover; Defender; Discovery e Jaguar. Creazione di quattro mondi di marchi con la loro storia, scopo e identità unici.

2022 Land Rover Range Rover
Una Land Rover Range Rover del 2022 fotografata in California.
JAGUAR LAND ROVER

“Pulita, riduttiva e priva di ornamenti, la nostra filosofia di design modernista continuerà ad evolversi, diventando l’unificatore della nostra House of Brands, ma differenziata dai valori specifici di ciascun marchio. Elevando le loro caratteristiche distintive, insieme a una nuova generazione di veicoli visivamente accattivanti e rilevanti , per costruire autenticamente desiderabilità e creare esperienze davvero emotivamente coinvolgenti.”

Leave a Comment